Centralina servizi camper

Tutti i segreti della centralina servizi camper

La centralina servizi camper è una componente vitale in ogni casa mobile: si tratta infatti di quella stazione di controllo da cui partono tutte le diramazioni per l’alimentazione delle varie utenze e dei servizi. Nello specifico consente di svolgere varie funzioni fondamentali: accendere e spegnere la corrente elettrica e la luce esterna, ricevere la corrente 220 Volt dall’esterno e trasformarla in 12V per alimentare la batteria dei servizi e la batteria del motore, attivare o disattivare a pompa dell’acqua e verificare il livello di riempimento dei serbatoi e della carica delle batterie. 

Vista l’importanza di questa centralina, è necessario conoscerne tutti segreti: eccoli svelati in questo articolo.

Il funzionamento dell’impianto elettrico del camper

La centralina servizi camper è il fulcro per il funzionamento dell’impianto elettrico del tuo veicolo. Non a caso è definita come il serbatoio di energia in grado di far funzionare correttamente tutti i dispositivi elettrici a bordo del veicolo. E non potrebbe essere altrimenti: è proprio questa centralina ad ospitare la batteria dei servizi (diversa dall’altra batteria presente nel camper, quella per l’avviamento del motore), che, connessa all’alimentatore, distribuisce la corrente alla pompa dell’acqua, alle luci, alla ventola del riscaldamento e ad altri importanti dispositivi.

Affinché questo avvenga, è necessario tenere la batteria carica. Come? Ci sono diverse modalità: collegandola alle apposite prese esterne per la corrente elettriche, sfruttando l’attività del motore del camper o utilizzando altre fonti esterne come pannelli solari, caricabatterie a metanolo, o generatori a gas o a benzina.

Quale batteria scegliere 

Per il corretto funzionamento di tutti i dispositivi del camper ha un peso specifico importante anche la tipologia di batteria che si sceglie di installare nella centralina. Esistono quattro diverse opzioni:

  1. Batterie ad acido libero. Sono le più economiche sul mercato e rappresentano un buon compromesso tra il costo contenuto e la capacità di carica. Tuttavia c’è il rischio che emettano esalazioni nocive, sono quelle che richiedono il maggior tempo di carica, necessitano di manutenzione frequente e hanno un ciclo di vita ridotto;
  2. Batterie al litio. Sono le più performanti in termini di prestazioni sotto ogni punto di vista. Leggere e compatte, erogano il massimo della potenza fino all’ultimo ampere disponibile, si ricaricano velocemente e durano a lungo nel tempo. Unica nota negativa, ma prevedibile, il costo elevato;
  3. Batterie AGM. Non contenendo liquidi al loro interno, ma solo una specie di tessuto assorbente in fibra di vetro che trattiene l’acido, non sono soggette a perdite ed esalazioni nocive e risultano compatte in termini di dimensioni. Inoltre si ricaricano rapidamente e sopportano bene le vibrazioni; 
  4. Batterie a gel. Dal punto di vista strutturale assomigliano a quelle ad acido libero, con la differenza che l’elettrolita non è in forma liquida ma gelatinosa, mentre da quello delle prestazioni si avvicinano di più a quelle AGM, in confronto alle quali cedono però qualcosa in termini di resistenza e ciclo di carica.

Consigli e soluzioni

Ogni batteria, a prescindere dal tipo prescelto, richiede una manutenzione, o quantomeno delle accortezze, che è necessario mettere in pratica per la sua salute e per la tua tranquillità. Scopriamole insieme:

  • La batteria non va mai lasciata scarica per troppo tempo: il rischio è di non riuscire più a recuperarla. La quota minima consigliata è una carica ogni 15 giorni per almeno 1 giorno;
  • Controllare la batteria durante il ciclo di carica, per evitare che qualche malfunzionamento del caricatore o qualche difetto della batteria stessa possa causare danni;
  • Non tenere la batteria in carica troppo a lungo: sessioni troppo prolungate possono incidere negativamente sulla sua tenuta;
  • Verificare con frequenza che i morsetti di collegamento siano puliti, visto che la loro ossidazione può danneggiare la batteria servizi;
  • Testare sempre la carica della batteria prima di mettersi in viaggio. 

Facebook