Pneumatici usati: convengono davvero?

Acquistare o vendere pneumatici usati in Italia è una pratica assolutamente legale, da cui molti sono attratti per il risparmio economico che garantisce. Ammesso che questo sia vero (il risparmio lo assicurano infatti nell’immediato, ma poi, durando meno di treni gomme nuove, costringono in breve tempo ad ulteriori spese), spendere meno risulta vano se vengono a mancare le condizioni basilari di sicurezza: scopri, grazie alle dritte di Veronaincamper e della sua officina ZoccatelliDue, tutto quello che c’è da valutare quando si intende comprare pneumatici usati!

Come capire se gli pneumatici sono usati 

Ci sono alcuni segnali inequivocabili che dimostrano se si stanno trattando gomme usate o meno: è fondamentale riconoscerli soprattutto quando si sta per procedere in una compravendita tra privati o attraverso un annuncio online, in cui l’inganno, non solo a livello di prezzi, può essere sempre dietro l’angolo. Queste sono i particolari a cui bisogna prestare assolutamente attenzione per capire quanto il potenziale acquisto per il tuo veicolo sia usato:

  • Usura, strappi o tagli visibili sui fianchi della gomma;
  • Evidenti alterazioni di colore (più è sbiadito, più lo pneumatico ha avuto un vissuto intenso);
  • Rigonfiamenti anomali o nitide deformazioni sulle parti laterali;
  • Cerchietto metallico danneggiato o esposto;
  • Separazione del battistrada o di altri elementi del pneumatico;
  • Un battistrada con uno spessore inferiore al limite di legge (1,6 mm per le auto).

Valutare lo stato di usura degli pneumatici

L’indicatore per eccellenza dello stato di usura di uno pneumatico è l’ultima caratteristica enunciata nel paragrafo precedente. Più nello specifico, per valutarla occorre procedere nella seguente maniera: bisogna ricercare, sul fianco dello pneumatico, la sigla TWI (o la scritta per esteso “Tread Wear Indicator“) e rintracciare il gommino sul battistrada in sua corrispondenza. Se il battistrada si presenta così consumato da essere giunto alla stessa altezza del tassello di gomma (1,6 mm), la gomma non è a norma di legge e non va presa in considerazione ad alcun prezzo. 

Questo metodo consente di individuare la tipologia di usura più comune, quella uniforme. Attenzione però che gli pneumatici si possono consumare almeno in altre 4 maniere:

  1. Usura a chiazze. Frequente sugli pneumatici posteriori, è causata da una equilibratura non corretta o dal cattivo funzionamento degli ammortizzatori;
  2. Usura asimmetrica. Un fianco dello pneumatico è più usurato dell’altro: a causare questo è un problema di parallelismo;
  3. Usura al centro. È determinata da una pressione troppo elevata; 
  4. Usura sulle spalle. Questa invece è conseguente a una pressione troppo bassa, che provoca un consumo dei lati.

Perché rivolgersi ai gommisti di Veronaincamper

Veronaincamper, grazie alla sua officina ZoccatelliDue, ha attivato il servizio gommista, non solo per camper o caravan, ma per gran parte dei veicoli, auto, moto e scooter compresi. Rivolgersi a lei è la mossa vincente se si vuole prevenire qualsiasi tipologia di usura gomme, perché è in grado di prendersi cura dei tuoi pneumatici sotto ogni punto di vista attraverso diverse pratiche: 

  • Sostituzione: se hai bisogno di cambiare le gomme del tuo mezzo, i nostri meccanici sono pronti a guidarti nella scelta dell’opzione ideale.
  • Bilanciatura: serve per eliminare ogni tipo di deformazione;
  • Equilibratura: fondamentale per mantenere, tra gli pneumatici, la simmetria originaria, da cui non possono derivare le temute usure a chiazze ed asimmetrica;
  • Stoccaggio: anche il luogo dove si conservano le gomme può fare la differenza. Il nostro deposito è un ambiente sicuro e protetto in cui custodirle.

Facebook