furgone da camperizzare

Perché scegliere un furgone da camperizzare

Per tutti quei viaggiatori che amano la libertà di esplorare luoghi nuovi e affascinanti all’insegna dell’avventura, la scelta del mezzo per l’esperienza di viaggio è fondamentale. Per coloro che desiderano unire comodità, flessibilità e personalizzazione nelle loro avventure, i furgoni da camperizzare offrono una lunga serie di vantaggi e opportunità che possono soddisfare anche le esigenze più estreme. 

In questo articolo esploreremo le ragioni principali che stanno dietro la crescente popolarità di questa tipologia di veicoli, offrendo uno sguardo approfondito anche sugli aspetti più tecnici legati ai costi e alla loro omologazione. 

In cosa consiste la camperizzazione di un furgone

La camperizzazione di un furgone offre l’incredibile opportunità di trasformare un veicolo commerciale in un comfortevole alloggio su ruote attraverso una serie di adattamenti che rispondono alle esigenze individuali. Ma in cosa consiste questo processo? E quali sono i migliori furgoni da camperizzare? 

Sopratutto per i neofiti, la camperizzazione può inizialmente spaventare. Può sembrare un processo molto complesso, ma in realtà si tratta di una serie di interventi e modifiche finalizzati a rendere il furgone più confortevole e adatto all’uso abitativo su strada. Le principali fasi di questo lavoro sono:

  1. Preparazione e pulizia: il primo passo è svuotare completamente il furgone, pulirlo e iniziare a predisporlo per accogliere i nuovi allestimenti decisi in fase di progettazione. 
  2. Contrassegnare la posizione degli arredi: sulla base del progetto iniziale, è opportuno individuare gli spazi dedicati ai vari arredi, dalla cucina alla camera da letto, contrassegnandoli in modo da avere un’idea chiara della futura abitabilità del furgone.
  3. Creazione di aperture e finestre: prima di procedere con l’organizzazione degli spazi esterni, è fondamentale creare le aperture verso l’esterno per la realizzazione delle finestre e delle prese d’aria per garantire un corretto ricambio d’aria e un buon comfort abitativo.
  4. Isolamento termico: nei furgoni adibiti a camper l’isolamento termico è fondamentale e bisognerà procedere con una corretta coibentazione. 
  5. Impianto elettrico: l’installazione dei sistemi elettrici include batterie ausiliarie, pannelli solari, generatori e inverter, luci e qualsiasi altro dispositivo elettronico sia utile ad alimentare elettrodomestici e servizi presenti all’interno del furgone.
  6. Impianto idraulico: una camperizzazione che si rispetti occorre predisporre e installare un sistema idraulico che prevede almeno due serbatoi: uno per l’acqua potabile e uno per quelle grigie. Ovviamente andranno installati anche una doccia e un lavandino in base allo spazio disponibile a bordo. 
  7. Arredamento: una volta predisposti tutti gli impianti e le aperture è possibile procedere con gli arredi veri e propri. In questa fase si aggiungono mobili multifunzionali quali letti pieghevoli, armadietti, rispiani, dispense egli elementi della dinette. Nella camperizzazione di un furgone la parola d’ordine è ottimizzazione: ogni singolo centimetro deve essere studiato al meglio per sfruttare gli spazi con intelligenza e funzionalità. 
  8. Bagno e sanitari: uno degli aspetti più “critici” nei furgoni adibiti a camper è la realizzazione del bagno. Lo spazio a disposizione talvolta non consente di realizzare un vero e proprio bagno come nei camper tradizionali, ragion per cui bisogna studiare attentamente tutte le soluzioni disponibili per trovare quella più congeniale alle proprie esigenze.

In definitiva, la camperizzazione di un furgone è un processo creativo e personalizzato che trasforma un semplice veicolo commerciale in un’accogliente casa su ruote. Con le giuste modifiche e aggiornamenti, un furgone camperizzato offre la libertà di esplorare il mondo in totale autonomia e comfort, aprendo le porte a un’infinità di avventure su strada.

Quali sono i migliori furgoni da camperizzare? 

La scelta del miglior furgone da camperizzare dipende dalle preferenze personali, dalle esigenze di viaggio e dal budget disponibile. Tuttavia, ci sono alcuni modelli di furgoni che sono popolari tra coloro che desiderano camperizzare un veicolo per le loro avventure su strada. Ecco alcuni dei migliori furgoni da camperizzare:

  1. Volkswagen Transporter: Conosciuto anche come VW T-series, il Volkswagen Transporter è un’opzione popolare per la camperizzazione. È ampiamente utilizzato da camperisti per la sua affidabilità, maneggevolezza e stile iconico.
  2. Mercedes-Benz Sprinter: Il Mercedes-Benz Sprinter è noto per la sua qualità costruttiva e la sua versatilità. Offre ampio spazio interno e una vasta gamma di opzioni di personalizzazione, rendendolo un’ottima scelta per la camperizzazione.
  3. Ford Transit: Il Ford Transit è un altro furgone molto popolare tra i camperisti. È disponibile in diverse dimensioni e configurazioni, offrendo una varietà di opzioni per adattarsi alle esigenze di viaggio di ogni persona.
  4. Fiat Ducato / Peugeot Boxer / Citroën Relay: Questi furgoni sono molto simili e vengono spesso utilizzati come base per camperizzazioni in Europa. Offrono un’ampia gamma di dimensioni e configurazioni, nonché opzioni di motorizzazione efficienti.
  5. Nissan NV Series: Il Nissan NV Series è un’altra scelta popolare per la camperizzazione. Offre un ampio spazio interno, una buona economia di carburante e una gamma di caratteristiche moderne.
  6. Ram ProMaster: Il Ram ProMaster è noto per la sua facilità di camperizzazione grazie alla sua forma rettangolare e ai suoi spazi interni ben progettati. È una scelta popolare tra coloro che desiderano una base solida per il loro progetto di camperizzazione.
  7. Toyota Hiace: Anche se non è disponibile in tutti i mercati, il Toyota Hiace è conosciuto per la sua affidabilità e durata nel tempo. È un’opzione popolare soprattutto in Asia e in Australia.

Prima di scegliere il furgone da camperizzare, è importante considerare fattori come il budget, le dimensioni del veicolo, le esigenze di viaggio e le preferenze personali. Inoltre, è consigliabile fare delle ricerche approfondite e, se possibile, provare diversi modelli per trovare quello più adatto alle proprie esigenze.

I costi di un furgone da camperizzare

Stabilire il costo per la camperizzazione di un furgone non è di certo semplice. Ogni progetto presenta le sue peculiarità, e tutto può cambiare in base alla tipologia di materiali e componenti che si desidera utilizzare. Possiamo però stimare degli scenari ideali per definire delle fasce di costo indicative: 

  1. Camperizzazione base da 5.000€: realizzata attraverso il riutilizzo di mobili e arredi usati o auto costruiti che consentono di arredare il furgone con tutto lo stretto indispensabile. 
  2. Camperizzazione intermedia fino a 10.000€: salendo di prezzo si possono raggiungere dei compromessi che consentono di dotare il proprio furgone con elettrodomestici e accessori che assicurano una maggiore vivibilità e comfort.
  3. Tra i 15.000€ e i 20.000€ per una camperizzazione professionale: affidandosi a dei professionisti il prezzo indubbiamente sale ma si può ottenere la garanzia di un lavoro realizzato a regola d’arte, nonchè un’assistenza dedicata in caso di problemi. 

Sul mercato è possibile trovare anche degli appositi kit per camperizzare un furgone. Si tratta di soluzioni standard che possono essere adattate ai più comuni veicoli adibiti a questo scopo. Il costo è molto variabile a seconda degli elementi che si intende installare, oscillando tra i 2.000€ e i 10.000€.

Come omologare un furgone in camper  

Un furgone camperizzato non è un semplice “furgoncino da viaggio” come viene spesso definito, bensì offre tutta l’esperienza di viaggio su strada di un qualsiasi camper, ma con soluzioni e vantaggi che sono tipici solo di questa tipologia di configurazione. Tuttavia, è bene ricordare che la camperizzazione richiede una successiva omologazione del mezzo per poterne consentire la circolazione in conformità al Codice della Strada. Gli scenari possibili sono principalmente tre: 

  1. Camperizzazione di un furgone omologato per il trasporto merci N1: in questo caso non è possibile cambiare la destinazione d’uso del veicolo e quindi convertirlo e omologarlo per il trasporto di persone M1. Sarà quindi d’obbligo scegliere un arredamento amovibile che non modifichi le caratteristiche funzionali del furgone. Con questa soluzione non si modifica la destinazione d’uso del mezzo e non occorre effettuare alcuna nuova omologazione.
  2. Camperizzazione di un furgone già omologato: la scelta più semplice è quella di lavorare su un veicolo già omologato per il trasporto di persone, sul quale non sarà necessario effettuare alcun cambio di destinazione d’uso. 
  3. Omologazione all’estero: è pratica ormai comune e diffusa l’omologazione del mezzo camperizzato in paesi esteri in cui la burocrazia e i processi non più snelli e celeri rispetto all’Italia. Si tratta di una pratica ammessa e legale il cui costo si aggira intorno ai 2.500/3.000€. 
Facebook