Le infiltrazioni nel camper: cosa fare, come evitarle

Uno dei problemi più comuni con i camper specie quando invecchiano è una perdita d’acqua. Se non viene rilevata in anticipo, questo problema può tra l’altro causare danni costosi da riparare. Le perdite in questo mezzo possono verificarsi dal tetto, sotto le finestre, all’interno di armadi, compartimenti e in qualsiasi punto che abbia un’apertura e non importa quanto piccola. In riferimento a quanto sin qui premesso, ecco una guida con utili consigli su cosa fare e come evitare le infiltrazioni nel camper.

Le infiltrazioni nel camper

L’umidità indesiderata può danneggiare diverse aree di un camper e in genere i primi segnali che si presentano includono macchie d’acqua, laminazione danneggiata, legno scolorito e bolle nei pannelli che rivestono l’interno del mezzo. Inoltre va aggiunto che le infiltrazioni in un camper possono anche interessare pavimenti, scivoli e parti meccaniche. Il primo posto in cui è opportuno fare delle verifiche è dove ci sono le guarnizioni in quanto potrebbero essersi deteriorate nel tempo.

Anche una dettagliata ispezione a 360 degli interni serve a controllare se ci sia la presenza di crepe, assottigliamento di pannelli nei punti di giuntura usurati e altri danni. Ciò include il controllo di eventuali sigillanti sul tetto e intorno a finestre, modanature, prese d’aria, porte e lucernari. L’acqua è subdola e sfrutta quasi tutte le aperture per filtrare all’interno del camper e causare problemi. Alcune perdite d’acqua sono tuttavia più difficili da trovare rispetto ad altre, poiché i danni che si manifestano in un punto del camper non stanno a significare necessariamente che questo sia la causa. In tal caso il consiglio è di utilizzare un sistema di rilevamento perdite pressurizzato, ovvero un ingegnoso sistema che permette di aumentare la pressione dell’aria all’interno del mezzo mentre si pulisce l’esterno con un liquido che genera bolle nel punto della perdita.

Indipendentemente dal fatto che l’acqua entri intorno a una luce di marcia, una presa d’aria sul tetto, una giuntura, una finestra o praticamente ovunque il produttore abbia tagliato un’apertura nel camper, questo test servirà a identificare la perdita con la massima precisione. Una volta individuata, si può intervenire con sigillanti a base di silicone, rivestimenti in vetroresina oppure con guaine impermeabilizzanti disponibili queste ultime sia a freddo che a caldo. A tale proposito, vale la pena sottolineare che questi prodotti sono facilmente reperibili sia nei negozi fisici che sugli store online preposti alla vendita.

Come riconoscere le infiltrazioni nel camper

Quando si decide di ispezionare un camper per verificare se ci siano infiltrazioni, è importante tener presente che non tutte le perdite d’acqua proverranno dall’esterno, quindi non bisogna escludere nulla. Controllare lo scaldabagno, il forno, la doccia, il riempimento dell’acqua potabile e la valvola d’ingresso dalla rete idrica di un campeggio è altresì importante per riconoscere le infiltrazioni in un camper e prendere adeguate misure per rimediare. Un mezzo di locomozione come il camper alla pari di altre tipologie di vetture va accuratamente sottoposto a manutenzione almeno annuale.

La prevenzione infatti è sempre la soluzione migliore per evitare qualsiasi inconveniente o danni strutturali. Ispezioni regolari e professionali alla fine faranno risparmiare denaro e tante seccature. Quando ogni anno si porta fuori dal deposito il camper non è quindi un optional rilevare eventuali perdite e prepararlo adeguatamente per un viaggio. Del resto riparare una lesione o sostituire una guarnizione rotta della finestra piuttosto che dover provvedere alla posa di un pannello esterno arrugginito, di un nuovo pavimento o di pannelli del soffitto danneggiati dall’acqua è sicuramente la cosa migliore da fare per prevenire ulteriori infiltrazioni con l’uso di sigillanti, mastice o guarnizioni.

Consigli per evitare le infiltrazioni d’acqua nel camper

Per evitare che il camper sia esposto ad infiltrazioni d’acqua vale la pena controllare spesso tutte le giunture dei vari pannelli e soprattutto le guarnizioni; infatti, se queste ultime presentano segni di distacco o appaiono indurite, bisogna intervenire sostituendole oppure ammorbidirle con del talco. Un altro ottimo modo per prevenire le infiltrazioni d’acqua nel camper è quello di eseguire periodiche sigillature con prodotti specifici come ad esempio il silicone. Inoltre va altresì aggiunto che durante il periodo in cui il camper non si utilizza, è buona norma svuotare i boiler e altri serbatoi in modo che le condotte siano completamente prive di liquidi e che essiccandosi potrebbero generare ruggine e conseguenti perdite.

A margine va detto che evitare ristagni d’acqua sul tetto utilizzando magari dei cunei per mantenere il mezzo inclinato, è un’ottima soluzione per scongiurare future perdite dovute alla corrosione dei pannelli di rivestimento di questa area del camper.

Share on facebook
Facebook